• Reading time:3 min(s) read

Plastic Free July: cos’è, come funziona, come partecipare!

Plastic Free July: cos’è, come funziona, come partecipare!

Se nell’ultimo mese hai bazzicato sui social media, è probabile che tu abbia incontrato l’hashtag #PlasticFreeJuly. Ma di cosa di tratta?

Cos’è il Plastic Free July

Il Plastic Free July, o “Luglio Senza Plastica”, è un’iniziativa della Plastic Free Foundation che ha come obiettivo un mondo libero dai rifiuti derivati dalla plastica. 

La campagna nasce nel 2011 ed è ora una delle campagne eco-friendly più seguite a livello globale: milioni di persone in tutto il mondo partecipano al Plastic Free July, desiderose di essere “parte della soluzione” come cita lo slogan dell’iniziativa.

logo plastic free july

Come funziona

Il Plastic Free July è un’iniziativa gratuita senza scopo di lucro che mira a renderci più consapevoli dell’uso smodato di plastica usa e getta che facciamo ogni giorno proponendo una challenge: non produrre rifiuti di plastica per tutto il mese di luglio.

Sul sito è possibile trovare informazioni e consigli su come riuscire nell’impresa. Tutto questo per farci capire che con poco impegno un mondo senza plastica è possibile

Come partecipare

Chiunque può partecipare all’iniziativa iscrivendosi tramite il form sul sito. Dopo la registrazione, ogni partecipante riceve dei consigli su come eliminare la plastica usa e getta dalla propria vita quotidiana.

Oltre a suggerimenti da mettere in pratica subito, si ricevono notizie e racconti personali di altri partecipanti.

consigli plastic free july
Immagine dal sito ufficiale PFJ

#PlasticFreeJuly sui social

È divertente e utile condividere i propri progressi sui social media usando gli hashtag #PlasticFreeJuly e #MyPlastcFreeJulyChallenge. Quello che faccio io potrebbe essere utile per te, e viceversa: è giusto condividerlo!

I social sono inoltre un ottimo veicolo per diffondere informazioni e consapevolezza su questo tema importantissimo.

immagine da instagram plastic free july challenge
Immagine da Instagram @ecoimpakt

Consigli per iniziare la sfida Plastic Free

Sul loro sito, Plastic Free Foundation offre molti consigli su come iniziare subito a vivere con meno plastica.

Prima regola? Usa quello che hai a casa! Come dice Rete Zero Waste Italia: “Il vero kit zero waste è quello che hai già”. Assolutamente vietato gettare i contenitori di plastica riusabili che già abbiamo in casa: significherebbe solo creare più rifiuti, e ciò va contro la filosofia del movimento.

Poi bisogna guardarsi intorno per capire quali sono i rifiuti che è possibile evitare. Qui ho scritto un articolo su come sostituire alcuni prodotti usa e getta scegliendo al loro posto oggetti riutilizzabili che durano nel tempo. Spero possa esserti utile!

Infine è possibile anche fare un quiz in inglese per misurare i propri risultati pre e post Plastic Free July (e vantarsene con gli amici sui social!).

quiz plastic free july
Prova il quiz!

Plastic Free July 2019: i risultati

Alla challenge di luglio 2019 hanno partecipato circa 250 milioni di persone da 177 diversi Paesi. I partecipanti del Plastic Free July:

  • hanno prodotto 23 kg in meno di rifiuti per persona per anno (quasi il 5% del totale);
  • hanno contribuito a eliminare 825 milioni di kg di rifiuti di materiali plastici;
  • 9 su 10 hanno fatto dei cambiamenti che sono diventati poi abitudini di vita.

Trovo che questi risultati siano straordinari, e non vedo l’ora di vedere i risultati del prossimo Plastic Free July!

badge plastic free july 2020

Conclusioni

Come scrivono nelle FAQ del loro sito, la Plastic Free July è una challange, non una competition: deve farci riflettere sul nostro consumo personale di plastica monouso. È una sfida con noi stessi: il Plastic Free July è un’opportunità per mettersi alla prova e constatare in prima persona che essere sostenibili non è solo fattibile, è facile

E tu, hai aderito al #PlasticFreeJuly 2020? Come sta andando? Cosa è cambiato nella tua vita? Fammelo sapere nei commenti!

Potrebbe interessarti: Bagno Plastic Free: 8 Prodotti da cui Iniziare

Condividi l'articolo

Lascia un commento